Innsbruck è sempre “magica”, come la vide Goethe più di 200 anni fa